IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  Regni RinascimentaliRegni Rinascimentali  

Condividi | 
 

 Aspettando il ritorno degli amati genitori

Andare in basso 
AutoreMessaggio
almalibre
Figlia
Figlia


Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 01.08.12

MessaggioTitolo: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Lun Ago 13, 2012 9:00 am

Alma Bianca quella mattina si era svegliata prestissimo, voleva farsi trovare pronta quando sarebbero arrivati i suoi adorati genitori che erano partiti per un breve viaggio senza di lei. Era andata nel grande salone dove la dolce Beatrice, governante della sua adorata mamma e adesso anche sua, le aveva preparato la colazione con latte appena munto e fette di pane caldo appena sfornato, con burro e marmellata di frutti di bosco della quale era veramente ghiotta. La marmellata l'aveva preparata per lei la cara Beatrice che conosceva ormai tutte le su debolezze in fatto di cibo.
Subito dopo corse di sopra, si fece un bagno, si vestì con grande cura e andò nello studio dell'adorato padre, si accomodò sulla sua poltrona per sentirlo più vicino e aspettò che finalmente tornassero i suoi amati genitori.
Ad Alma Bianca erano mancate molto in quei due giorni le carezze e le coccole della madre; ella l'amava di un bene grandissimo e ogni volta che la vedeva la trovava più bella e maestosa.
Alma aveva trascorso la giornata precedente a guardare i ritratti di tutti i suoi antenati e si accorse che più lei cresceva, più somigliava a suo padre e di conseguenza ai suoi avi; erano tutti mori, alti e signorili nel portamento, proprio come suo padre. Sua madre invece era di una maestosità e di una bellezza unica.
Ripensando alla giornata appena trascorsa, Alma pian piano si appisolò sognando di poter riabbracciare presto i suoi stupendi genitori.
Torna in alto Andare in basso
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Gio Ago 16, 2012 12:56 pm

Syille Laurraine e Nicolò Leone rientrarono a Roccascalegna quando ormai le prime luci dell'alba illuminavano in maniera ovattata tutto d'intorno.
Avevano cavalcato tutta la notte, volevano tornare a casa il prima possibile per riabbracciare la loro adorata Alma Bianca e trovare un po' di quiete tra le mura del castello.

Nicolò aiutò Sybille a scendere da cavallo, poi chiamò lo stalliere e affidò a costui gli animali, affinchè venissero ripuliti e rifocillati.

Sybille prese per mano suo marito e lo avvicinò a sè, dandogli un amorevole bacio ed insieme entrarono in casa.

Tutto intorno era silenzio.


"Tesoro, Alma dormirà di certo. Vorrei vederla. Non la sveglierò, ma vorrei vederla. Certamente la troveremo in camera sua."

La donna quindi si apprestò a percorrere la scalinata che la portava agli appartamenti della figlia, voltandosi indietro per vedere se Nicolò la stesse seguendo o meno.
Torna in alto Andare in basso
Daygar II
Conte
Conte
avatar

Messaggi : 411
Data d'iscrizione : 06.12.10

Dati
Livello: VII
Professione: Fabbro
Residenza: Mantua

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Gio Ago 16, 2012 3:27 pm

Nicolò cavalcava al trotto accanto alla propria consorte quando giunsero alle mura di Roccascalegna. Gli occhi cerchiati di nero, il Barone rispose alla sentinella che gli chiedeva chi fosse a voler avere accesso a Castello Aita. Guardò la moglie, affaticata anche lei dal viaggio, un viaggio di nemmeno una settimana fatto quasi a tappe forzate. Attraversarono il portone con la grata sollevata apposta, e poi condussero i cavalli nella piazzetta antistante il castello.

Smontò stancamente dal castrato Zefiro, quindi aiutò la moglie a smontare ella stessa mentre s'avvicinava uno palafreniere. Diede le redini dei due cavalli al ragazzo, raccomandandogli di asciugarli e strigliarli. insomma, di accudirli come si deve.

Baciò la propria sposa, bellissima ai suoi occhi, quindi varcarono la soglia.

Seguì la donna quando manifestò l'intenzione di vedere la figlia dormire. Fermò lungo la strada un servitore affinché venisse preparato un bagno caldo nella tinozza matrimoniale. Affiancò nuovamente la moglie e raggiunsero le stanze della figlia. Lentamente, pesando sui cardini per non farli cigolare, Nicolò aprì l'uscio ed entrò scrutando il letto a baldacchino.

_________________
Torna in alto Andare in basso
http://feudiarnod.forumattivo.it
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Gio Ago 16, 2012 7:17 pm

Il letto era immacolato, Alma Bianca non vi giaceva. La camera era ordinata con cura, gli abiti da notte della giovane sistemati alla perfezione sul maniquin . Sybille Laurraine si voltò verso Nicolò Leone e prendendolo per mano lo invitò a seguirla.
L'uomo non oppose resistenza, le strinse forte la mano e si fece guida. Quasi sapesse dove poter trovare la figlia.

Sybille si fece condurre senza esitazione, avrebbe seguito lui, il suo cuore, in capo al mondo, senza chiedere nulla. Si fidava ciecamente di Nicolò ed anche in quel frangente egli dimostrò di aver fiuto.
Torna in alto Andare in basso
Daygar II
Conte
Conte
avatar

Messaggi : 411
Data d'iscrizione : 06.12.10

Dati
Livello: VII
Professione: Fabbro
Residenza: Mantua

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Ven Ago 17, 2012 12:05 am

Il Barone rimase un attimo sovrappensiero, sorpreso di vedere il letto vuoto nonostante fosse ora quasi notturna.

Pensò un poco quindi prese per mano la moglie e la guidò fra i corridoi, continuando a chiedersi se fosse mai possibile che la figlia avesse scelto di dormire in un luogo quale lo studio paterno, carico di scartoffie ma anche molto personale. *Magari per sentirsi vicina a me ha scelto un luogo che mi rispecchiasse* ragionò nella propria mente.

Ad ogni passo le incertezze lasciavano posto alle certezze. Non bussò, entrò pesandosi sulla manigliona della porta di legno, spessa e levigatissima. Nemmeno un cigolio si udì mentre di fronte ai due feudatari si parava una scena molto dolce.

Alma dormiva sullo scranno imbottito che stava dietro la pesante scrivania di quercia. Lanciò uno sguardo complice alla moglie e insieme si avvicinarono alla figlia addormentata, ignara della presenza dei propri genitori.

_________________
Torna in alto Andare in basso
http://feudiarnod.forumattivo.it
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Ven Ago 17, 2012 12:15 am

"Amore guardala come è dolce..." disse Sybille mentre delicatamente accarezzava il viso di Alma Bianca.

"Tesoro è bella come te. E io vi amo immensamente. Che ne dici di portarla nel suo letto?"

La Viscontessa era vistosamente stanca e non vedeva l'ora di concedersi un bagno rilassante in compagnia di suo marito.
Torna in alto Andare in basso
Daygar II
Conte
Conte
avatar

Messaggi : 411
Data d'iscrizione : 06.12.10

Dati
Livello: VII
Professione: Fabbro
Residenza: Mantua

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Ven Ago 17, 2012 12:19 pm

"Ha preso dalla madre in quanto a bellezza - rispose Nicolò - di noi Introd ha preso i capelli e anche il portamento. Suppongo. In fondo tu sei sempre la madre, si sa che le madri vedono di tutto e di più nei propri figli." Accennò un sorriso quindi carezzò i capelli di Alma e la prese in braccio, delicatamente.

"Qualcuno - sussurrò alla moglie - direbbe che questo è un lavoro per i servi, sinceramente, preferisco godermi mia figlia fintanto che non sarà troppo cresciuta per queste cose."

Quindi si avviò per i corridoi, sistemando la figlia nel letto a baldacchino.

Si girò verso la moglie richiudendo la pesante porta della camera alle proprie spalle.


"Adesso a noi due amore, non so te, ma io sembra mi sia truccato tanto nera è la pelle attorno agli occhi. un bagno fresco, tiepido, caldo e ristoratore?"

Guardò la moglie e prendendola a braccetto si avviò verso le stanze personali.


_________________
Torna in alto Andare in basso
http://feudiarnod.forumattivo.it
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Ven Ago 17, 2012 1:24 pm

Sybille segui Nicolò che teneva in braccio la loro figlia. Glielo aveva visto fare tante volte, ma ogni volta ella rimaneva estasiata dallo splendido quadro che le si presentava.

Il Barone adagiò delicatamente la fanciulla nel suo letto e dopo averle dato un bacio in fronte condusse la moglie fuori dalla stanza.

Sybille lo abbracciò mentr'egli le proponeva un bagno ristoratore. La donna annuì e lo seguì verso gli appartamenti privati, iniziando a slacciarsi stringhe e corsetto strada facendo. Aveva davvero bisogno di prendersi cura di sè e del suo adorato marito.
Torna in alto Andare in basso
Daygar II
Conte
Conte
avatar

Messaggi : 411
Data d'iscrizione : 06.12.10

Dati
Livello: VII
Professione: Fabbro
Residenza: Mantua

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Sab Ago 18, 2012 9:22 pm

Dopo il bagno caldo con la moglie, il barone che s'apprestava a fare colazione era un uomo molto più rilassato e pulito di colui che aveva riportato l'adorata figlia nel proprio letto.

Aveva dato ordine ai servi di preparare un abbondante primo pasto, e questi non s'erano certo risparmiati. Decise quindi di fare una sorpresa alla figlia, mandando Beatrice a svegliarla. Come se loro non fossero tornati ancora. La figliola, immaginava il barone, avrebbe tirato per le lunghe poi svogliatamente avrebbe aperto le porte e... sorpresa. Ecco i due genitori sorridenti anche se un po' stanchi, pronti ad abbracciarla.

Annuì sorridendo a Sybille che sedeva alla propria destra. La baciò mentre aspettava, famelico come un lupo, che la figliola scendesse a fare colazione.

_________________
Torna in alto Andare in basso
http://feudiarnod.forumattivo.it
almalibre
Figlia
Figlia


Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 01.08.12

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Dom Ago 19, 2012 2:11 pm

Uhmmm pensò Alma stiracchiandosi con le palpebre ancora chiuse. Si era addormentata come un ghiro sulla poltrona di suo padre, ma si sentiva rilassata, tranquilla, come se stesse supina e non rannicchiata. Aprì gli occhi e si ritrovò nel suo letto a baldacchino, tutto di legno e rifinito in oro, pensò fra sè e sè: la mia mamma adorata ha fatto fare questo letto dal miglior artigiano di Roccascalegna ed è stupendo come lei.

Nel fare questo ragionamento, pensò: ma se mi sono addormentata sulla poltrona di mio padre, chi mi ha portata nel mio letto? Probabilmente Beatrice ha chiamato un servitore che mi ha portata qui.
Proprio in quel momento Beatrice bussò alla sua porta, le disse di scendere per la colazione già pronta in tavola.
Alma si fece un bagno caldo, si vestì e si pettinò con cura, quindi scese nel salone, ma nemmeno il pensiero dello squisito pane caldo imburrato con la marmellata di bosco riusciva a confortarla.

Il suo pensiero era rivolto ai suoi adorati genitori. Le mancavano immensamente, soprattutto le coccole della mamma dolcissima, anima della sua anima, cuore del suo cuore. Amava moltissimo anche il padre, il quale la ricambiava e la ricopriva d'affetto profondo, ma la mamma è sempre la mamma pensava fra sè e sè mentre si dirigeva al salone.

I suoi genitori si amavano moltissimo, lei lo sapeva, il loro era un amore con la "A" maiuscola, di quelli che si provano una sola volta nella vita e in cuor suo ai augurava di poter vivere anche lei un amore così...ma c'era tempo pensò...ora doveva vivere il suo presente con il babbo e la mamma.

Tutta presa dai suoi pensieri giunse sulla grande porta del grande salone, la spinse e........................................
li vide.................... erano lì, seduti al grande tavolo e la guardavano con quel loro sguardo dolce, protettivo......

Alma sapeva che non era buona educazione, ma non esitò nemmeno un attimo a gettarsi fra le loro braccia protese ad abbracciarla e in quell'istante d'amore e tenerezze a non finire, si sentì felice come non lo era mai stata prima. Giurò fra sè e sè: mamma papà, vi amo di bene e non vi lascerò mai soli.

Beatrice, semicelata dalla porta, si asciugava le lacrime...anche lei adorava tutta quella piccola, meravigliosa Famiglia.





Torna in alto Andare in basso
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Lun Ago 20, 2012 8:17 pm

Il Barone baciò sua moglie, un bacio intenso e passionale.
Sybille laurraine arrossì come una quindicenne dinnanzi al primo amore. Si sentiva così, benchè fosse ormai una donna matura ben lontana dall'adolescenza il cuore le batteva all'impazzava ogni volta che suo marito la guardava o la sfiorava. Ciò che provava per lui era un amore così intenso ed unico che nemmeno tutte le parole del mondo avrebbero potuto rendere giustizia a quel sentimento.

Poi la porta si aprì e dinnanzi ai due coniugi apparve la creatura più celestiale e dolce che avesse mai posato piede in terra. La loro figlia, Alma Bianca, fece ingresso nel salone e con un grande sorriso e stupore corse verso di loro per abbracciarli.

Erano passati pochi giorni dalla loro partenza, ma a Sybille sembrava di non vedere la figlia da un'eternità. E la trovo tanto più bella e matura.
Un velo di tristezza la avvolse. La loro figlia cresceva, ciò significava che anche per lei il tempo passava e presto la bellezza sarebbe sfiorita. Guardò Nicolò negli occhi e gli sorrise, mentre stringeva forte Alma, sembrava che lui avesse letto nei suoi pensieri. I suoi occhi le dicevano di stare tranquilla; i suoi splendidi occhi azzurri le trasmettevano sicurezza e amore. Sybille sapeva che lui non l'avrebbe mai lasciata sola.


"Su pigroni, è ora di mangiare. vorrei fare una bella cavalcata più tardi. Mi accompagnate?"
Torna in alto Andare in basso
Daygar II
Conte
Conte
avatar

Messaggi : 411
Data d'iscrizione : 06.12.10

Dati
Livello: VII
Professione: Fabbro
Residenza: Mantua

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Mar Ago 21, 2012 8:33 am

Venne travolto come durante una battaglia, quasi rovesciò la sedia sotto lo slancio della figlia. Mentre abbracciava la figlia, lanciò uno sguardo carico di tante cose alla moglie.
Parlò un po' di Alma, le raccontò del viaggio e di tutti i dettagli di cui la figlia era golosissima.
Dopo poco però sentì la voce della moglie riportarli all'ordine. Era sempre così, con la propria figlia Nicolò regrediva d'età e non pensava a nient'altro che divertirsi e farla divertire. La stessa cosa, succedeva con la moglie, sebbene con un grado di maturità un pizzico maggiore.

Guardò la moglie strabuzzando gli occhi:
"Cavalcata? - domandò attonito - Ma non ne hai abbastanza di cavalcate? Abbiamo cavalcato ogni giorno..."

Quindi scavò nello sguardo della moglie e poi in quello della figlia e si ricompose: "Molto bene, magari faccio preparare il falcone, magari prendiamo qualcosa..."

_________________
Torna in alto Andare in basso
http://feudiarnod.forumattivo.it
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Mer Ago 22, 2012 8:37 am

Si, era stanca per il viaggio e avrebbe soltanto voluto passare la giornata bivaccando nel grande letto matrimoniale, ma Sybille sapeva quanto Alma amasse cavalcare e pertanto mise da parte le sue fatiche al fine di rendere felice la figlia.

Anche Nicolò sembrò comprendere e dopo le prime esitazioni acconsentì ad una gita fuori porta.


"Forza amori miei, finiamo di desinare. Poi vi condurrò in un posto meraviglioso".

La Viscontessa chiamò un servitore ed ordinò che il cestino da pic-nic venisse preparato.

"....e fragole! Ci voglio tante fragole! Sono giorni che ho una voglia matta di fragole!"
Torna in alto Andare in basso
almalibre
Figlia
Figlia


Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 01.08.12

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Lun Ago 27, 2012 12:27 pm

Alma Bianca finì la colazione in un batter d'occhio...non vedeva l'ora di uscire a cavalcare con i suoi amati genitori.
Guardò la madre con occhi adoranti, l'amava tantissimo e le si strinse il cuore nel vederla tanto stanca, ma ormai la decisione era stata presa, sarebbero usciti tutti e 3 a fare una bella cavalcata e si sarebbero fermati a fare un pic-nic.
Poi le venne un pensiero: sua madre aveva chiesto tante fragole perchè ne aveva voglia da giorni e giorni....uhm...le voglie vengono alle donne incinte!!! Ma lei non voleva un fratellino o una sorellina, non adesso almeno!!! Voleva godersi tutto il loro amore in completa estasi!!! Era egoista e sapeva di esserlo, ma li aveva attesi per così tanto tempo che voleva essere al centro della loro attenzione almeno per un altro po' di tempo.
S'accorse d'aver pensato anche troppo e disse ai suoi adorati cari: "allora, si va a fare questa cavalcata si o no?"
Torna in alto Andare in basso
Daygar II
Conte
Conte
avatar

Messaggi : 411
Data d'iscrizione : 06.12.10

Dati
Livello: VII
Professione: Fabbro
Residenza: Mantua

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Mer Ago 29, 2012 2:02 pm

Nicolò mangiò con calma la colazione, gustando finalmente un pasto come si deve. Quindi mandò la figlia a prepararsi per l'equitazione ed andò nelle proprie stanze per indossare indumenti adatti come braghe di pelle e così via.

Sceso nel cortile vide fece preparare le due giumente Deidamia e Sincera per sè e la moglie quindi fece portare la nuova frisona morella che sarebbe stato la nuova cavalcatura di Alma da lì in avanti.

Vedendo scendere la figlia le si avvicinò e le porse le redini della cavalla e e disse:


"Alma, io e tua madre abbiamo deciso di farti un regalo. Questa è una giumenta frisona, molto mansueta e abbiamo deciso che sarà tua d'ora in avanti."


Guardò gli occhi sbriluccicanti della figlie e con un sorriso aggoiunse:

"Prima di montarla però, devi darle un nome, e mi raccomando, devi imparare a prendertene cura anche se hai dei servitori che lo faranno al posto tuo, cosicché in caso di viaggio sarai in grado di occupartene"

_________________
Torna in alto Andare in basso
http://feudiarnod.forumattivo.it
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Gio Ago 30, 2012 6:38 pm

Sybille Laurraine era davvero contenta, vedere sua figlia con quello sguardo meravigliato la riempiva di gioia.
Alma Bianca aveva preso da lei la passione per i cavalli. Sin da molto piccola Sybille la portava in groppa e via... verso boschi e posti incantati.

E poi Nicolò era davvero esperto di quelle bestie, non finiva mai di stupirla. Sapeva riconoscerne le razze a vista d'occhio. Lei invece, Sybille, li amava e basta. Per lei un cavallo era un cavallo, una creatura meravigliosa capace di donare un grande senso di libertà e maestosità. Nicolò ogni tanto la prendeva amabilmente in giro poichè non era capace di distinguere una razza dalle altra. Ma a lei ciò che importava era il bellissimo legame che si creava quando era in sella all'animale. Tutto il resto era secondario.

Mentre suo marito insigniva alma Bianca della dovuta responsabilità verso la sua nuova giumenta, Sybille ordinava a Beatrice di sistemare cibarie e vettovaglie dentro la carrozza. La fantesca li avrebbe seguiti, ma non certo a cavallo, vista l'età e la stazza della governante!

"Alma, tesoro, che ne pensi della tua giumenta? Prometti di averne cura? E' molto importante dare attenzioni e affetto al proprio animale, solo così potrai sempre contare su di lui".

[i]Poi si avvicinò a Nicolò
... "Hai avuto un'idea magnifica Amore. Ti amo da morire."E lo baciò facendogli un po' di solletico sui fianchi.
Torna in alto Andare in basso
almalibre
Figlia
Figlia


Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 01.08.12

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Sab Set 01, 2012 4:57 pm

Alma Bianca, alla vista della giumenta frisona che i suoi adorati genitori le stavano donando, rimase con la bocca spalancata (tanto che avrebbero potuto entrarci uno sciame di api)...quella cavalla era a dir poco stupenda...tutta nera, con una macchia bianca a forma di stella sulla fronte, la coda folta e lunga quasi fino a terra, le zampe robuste con il folto pelame in basso, vicino agli zoccoli.
Pensò soltanto un istante poi tutta compita, disse ai suoi genitori: la chiamerò Nisy....in vostro onore. Ni stà per Niccolò e Sy per Sybille...poi, colma d'amore per entrambi, si gettò nelle loro braccia.
Alma Bianca amava sua madre e la guardava ogni volta con grande ammirazione, la trovava sempre più bella e dolce, come nessun'altra mamma al mondo...e amava anche suo padre che ammirava con tutto il cuore.
Da quel momento aveva anche un nuovo amore: Nisy e promise che ne avrebbe avuta sempre cura.
Nisy, quasi avesse capito cosa stava provando Alma Bianca in quel momento, si avvicinò a lei e le si strofinò con il muso, quasi a volerla spingere a salirle in groppa. Fu proprio un amore immediato e reciproco il loro.
Con la coda dell'occhio vide sua madre guardare con occhi adoranti il suo magnifico papà e si sentì ancor più felice quando vide lo stesso sguardo negli occhi di suo padre nei confronti della mamma adorata.
Vedere due persone amarsi così tanto era una cosa davvero rara e lei sapeva che il loro amore sarebbe durato per tutta l'eternità.
Poi vide Beatrice salire sulla carrozza con i vari cestini per il pic-nic che avrebbero fatto più tardi.
Il cuore e l'anima di Alma Bianca in quel momento erano al settimo cielo. Se si fosse potuto personificare la felicità, si sarebbero potuti vedere il padre, la madre e lei...tre anime legate indissolubilmente da un grandissimo amore.
Poi finalmente salì sulla sua Nisy e si avviarono per i viali del loro magnifico castello.
Torna in alto Andare in basso
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Dom Set 09, 2012 6:39 pm

Nicolò si lanciò al galoppo, aprendo la fila, mentre Sybille si pose dietro Alma Bianca che cavalcava tra i suoi genitori.
Da dietro la donna poteva posare il suo sguardo vigile sulla sua adorata figlia, controllando ch'ella stesse bene e con venisse disarcionata da cavallo. Nisy era molto mansueta, ma ancora tra la sua bambina e l'animale non si era creato il legame duraturo che si sarebbe instaurato con il tempo e Sybille Laurraine era una madre troppo apprensiva.

Cavalcarono tra i boschi, lasciandosi alle spalle i feudi di Roccascalegna e Casoli. La carrozza con Beatrice era partita da tempo, destinazione Gran Sasso, i territori della Fortezza di Corno Grande che Sybille tanto amava.

Giunti quasi alla meta, la donna spronò la sua giumenta al galoppo e superò sua figlia, accostandosi a Nicolò Leone. Gli sorrise e prese il comando della piccola spedizione familiare. Avrebbe condotto i suoi amati in un luogo magnifico.

Presto giunsero sul promontorio che sovrastava la valle di Corno Grande, proprio in prossimità del castello sforzesco. Da lì la vista era magnifica. Una splendida cascata tra gli alberi imperava sullo sfondo. E i colori erano davvero stupendi. Sybille adorava l'arrivo dell'autunno: il giallo e il rosso tra gli alberi e i profumi... quella per lei era la stagione più bella dell'anno.

Aveva conosciuto suo marito proprio in un autunno di tanto tempo prima. E se ne era innamorata in una fredda sera autunnale.

Sybille scese da cavallo e si apprestò a raggiungere alma e Nicolò che a loro volta stavano legando gli animali ad un albero.


*Questa è casa mia, i miei boschi. Alma sono cresciuta qui. Qui ho trascorso la mia adolescenza. Qui ho perso i miei genitori. Qui ho vissuto momenti belli e brutti della mia tenera età. Io amo questo posto, spero piacerà anche a te.*

Poi si strinse tra le braccia di Nicolò ed insieme, in silenzio, osservarono quel bellissimo regalo della natura.

Intanto, poco più avanti, nella casa del bosco, Beatrice preparava il pranzo.
Torna in alto Andare in basso
almalibre
Figlia
Figlia


Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 01.08.12

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Mer Set 19, 2012 10:21 am

Alma Bianca cavalcava la sua dolce Nisy alla quale faceva ogni tanto una carezza come le aveva insegnato a fare il suo amatissimo padre; ogni tanto si voltava a guardare la madre che chiudeva la fila. Alma Bianca sapeva in cuor suo che la madre aveva scelto di chiudere la fila perchè voleva essere sicura che non le accadesse nulla, era una madre apprensiva e Alma Bianca l'adorava anche per questo.

Lasciate le terre di Roccascalegna e Casoli, arrivarono alla Fortezza di Corno Grande, le terre dove Alma Bianca sapeva che era cresciuta la madre. Alla sua vista apparve improvvisamente una magnifica cascata e i raggi del sole, illuminandola, facevano sembrare gli spruzzi d'acqua milioni di cristalli azzurrini; era una visione stupenda. Tutt'intorno alberi secolari ondeggiavano all'alitar del vento i loro enormi rami colmi di foglie gialle e rosse, Alma Bianca pensò che nessun pittore avrebbe mai potuto riprodurre uno spettacolo tanto bello che solo madre natura poteva offrire allo sguardo della gente.

La madre le disse:
" Questa è casa mia, i miei boschi. Alma sono cresciuta qui. Qui ho trascorso la mia adolescenza. Qui ho perso i miei genitori. Qui ho vissuto momenti belli e brutti della mia tenera età. Io amo questo posto, spero piacerà anche a te" e Alma rispose: "Mammina mia dolcissima, da questo momento anche io amerò questo posto meraviglioso e lo amerò ancor di più sapendo che qui sei cresciuta tu".

Poi Alma vide la madre che estasiata ammirava quello spettacolo della natura; i capelli sciolti, castani, ondeggiavano mossi dal vento e dietro di lei suo padre che, tenendola per la vita, le sussurrava parole d'amore.

Come sempre il cuore di Alma si riempì di un'immensa gioia. Adorava i suoi genitori e la loro felicità era anche la sua.

Poi il suo sguardo corse alla piccola casa, dove sapeva che la dolce Beatrice stava preparando il desco per tutti e un leggero languorino le solleticò lo stomaco. Prese i genitori per mano e tutti insieme felici come non mai, ripresero il cammino.
Torna in alto Andare in basso
Sailor
† Baronessa †
† Baronessa †
avatar

Messaggi : 160
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   Sab Set 29, 2012 6:24 am

Giunsero alla casetta nel bosco in breve tempo. Poche centinaia di metri a piedi, mentre i cavalli tenuti per le redini seguivano mansueti i loro padroni. Condussero gli animali nelle stalle e li affidarono alle cure dello stalliere, affinchè li strigliasse e rifocillasse.

Sybille Laurraine prese per mano Alma Bianca e con la complicità di due amiche madre e figlia si apprestarono a salire i pochi gradini del porticato, nel quale era collocato un grande divano a dondolo.


"Alma tra poco il pranzo dovrebbe essere pronto. Hai fame? Vorrei venissi un attimo con me nel retro. C'è una cosa che voglio farti vedere."

La donna sorrise ai suoi amori, suo marito e sua figlia, e presto si perse alla loro vista, dietro la casa, nel grande giardino. Voleva rivedere le sue amate rose. E poi ce n'era una speciale, una tanto bella quanto rara.

La rosa Almalibre, così Sybille l'aveva battezzata.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Aspettando il ritorno degli amati genitori   

Torna in alto Andare in basso
 
Aspettando il ritorno degli amati genitori
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Presso le mura :: Ingresso-
Vai verso: